ARPA Basilicata
Cerca PersoneDove SiamoBandi e Gare
logoarpab
Home L'Agenzia ARPAB Informa Temi Ambientali Servizi_Ambientali
Aerobiologia

Monitoraggio aerobiologico

Allergia e pollinosi

Utilità

Diminuiscono i pollini; valori elevati di spore fungine

22/06/2018 - Carica pollinica leggermente diminuita nell'ultima settimana. La costante frequenza delle precipitazioni nel corso delle giornate contribuisce a ridurre la presenza dei pollini nell'aria e a far aumentare l’umidità che, invece, favorisce lo sviluppo delle muffe, le quali liberano le loro spore. Hanno raggiunto, comunque, valori medio/alti i principali pollini allergenici deI periodo: graminacee, urticacee (parietaria ed ortica), fagacee (castagno), oleacee (olivo e ligustro), plantaginacee. Valori alti quasi ogni giorno per la spora fungina Alternaria. Per i prossimi giorni: stazionari o in diminuzione tutti i pollini; stazionaria con concentrazioni elevate Alternaria.

Pollini e spore non sono la stessa cosa, pur essendo sia gli uni che le altre strutture riproduttive, vengono prodotte da organismi appartenenti a Regni diversi: rispettivamente Piante e Funghi. Contengono perciò molecole diverse, cioè allergeni diversi. Alcune spore, come i pollini, sono responsabili di riniti allergiche molto insidiose, perché possono insorgere durante tutto l’arco dell’anno, trovandosi più facilmente le spore anche all’interno delle case e, a partire dalla tarda primavera, in abbondanza anche nell’aria esterna.

Quelle che chiamiamo comunemente graminacee sono piante erbacee che appartengono alla grande famiglia botanica delle Poaceae o Gramineae. Esse si trovano dappertutto sul pianeta, a tutte le latitudini (praterie, savane, steppe, ecc.), soprattutto negli spazi aperti, oltre a comprendere i cereali, coltivati da sempre dall’uomo a scopo alimentare; nella nostra regione mediterranea si trovano in tutti gli habitat (boschi, prati, ruderi, prati incolti, bordi delle strade, ecc). Per fare qualche esempio, sono graminacee i generi: Poa, Bromus, Phleum, Agropyron, Cynodon, Dactylis, Lolium, Triticum, Avena, Hordeum, Secale, Zea, ecc. Sono piante anemofile e, come tali, producono grandi quantità di polline, grazie anche alla particolare struttura delle loro infiorescenze, le spighe o pannocchie, costituite a loro volta da spighette in cui si raggruppano i piccoli fiori, dotati di antere peduncolate pendule. Il polline di graminacee è al primo posto in assoluto nel mondo come agente di pollinosi e l’espressione “hay fever”, febbre da fieno, utilizzata nei paesi anglosassoni per definire la pollinosi, fa riferimento proprio a queste erbe che costituiscono il fieno.

Alle Oleaceae, appartengono i due generi Fraxinus e Olea che vengono monitorati. Dei due, l’olivo è molto allergenico ed interessa il maggior numero di pazienti. Compare in aprile, ma ha la sua massima espressione tra maggio e giugno. Tra i frassini presenti nel nostro territorio (frassino comune, Fraxinus excelsior; orniello, Fraxinus ornus e frassino meridionale, Fraxinus angustifolia subsp oxycarpa) in aprile/maggio si rileva prevalentemente l’orniello.

La parietaria (P. officinalis, P. diffusa), che fa bella mostra di se sui muri di pietre, è, dal nostro punto di vista, l’esponente principale della famiglia delle Urticaceae. Il polline di parietaria, infatti, è rilevabile tutto l’anno e, nel periodo tardo primaverile/estivo, viene affiancato da quello di ortica (U. dioica, U. urens), che va ad incrementare le concentrazioni totali delle urticacee.

Alla famiglia delle Fagaceae appartengono piante molto importanti, perché sono i componenti principali delle nostre foreste: faggi (gen. Fagus, querce (gen. Quercus) e castagno (gen Castanea).

Le Plantaginaceae producono un polline altamente allergenico, ma in Italia, per fortuna, il numero di persone ad esso sensibili è piuttosto basso, a differenza di quanto avviene in altre zone (p. es. sud della Francia). Il genere più importante nel campo delle pollinosi è Plantago, a fioritura primaverile-estiva e caratterizzato da strette foglie lanceolate percorse da nervature parallele. Queste erbe hanno una caratteristica rosetta di foglie basali da cui si innalza lo stelo con una spiga apicale, formata da tanti piccoli fiorellini. Sono erbe molto diffuse nelle zone prative, nei giardini, nei parchi, ai bordi delle strade, negli spazi incolti, ecc. Le piantaggini (P. lanceolata L., P. major L., P. lagopus L.) hanno nomi comuni molto curiosi: lanciuola, lingua di cane, orecchio di lepre.

Per Chenopodiacee/Amarantacee si intendono i pollini di due famiglie, molto simili al microscopio, appartenenti ai generi Chenopodium e Amaranthus. Le Chenopodiacee sono piante erbacee e arbustive, quasi ubiquitarie. La specie che si incontra con più facilità è il Chenopodium album L. (farinaccio), presente nei coltivi abbandonati, nelle scarpate o ai bordi delle strade.

( M. Corona – 22 giugno 2018 )


 
   

 
© ARPAB  via della Fisica 18 C/D 85100 Potenza - P.Iva 01318260765 - tel.0971656111 - email PEC: protocollo@pec.arpab.it - Privacy - Note Legali