ARPA Basilicata
Cerca PersoneDove SiamoBandi di Gara
logoarpab
Home L'Agenzia ARPAB Informa Temi Ambientali Servizi_Ambientali
Aria e Reti di Monitoraggio

QualitÓ dell'aria

AttivitÓ

UtilitÓ
Link
Inquinanti monitorati
 

Gli inquinanti monitorati in continuo tramite la rete di monitoraggio sono:

IDROCARBURI POLICICLICI AROMATICI (IPA)

CARATTERISTICHE: Gli idrocarburi policiclici aromatici (IPA) sono idrocarburi con struttura ad anelli aromatici condensati. Sono sostanze degradabili in presenza di radiazione ultravioletta. Il composto più significativo è il il benzo(a)pirene (BaP), che ha una struttura con cinque anelli condensati, è diffuso nell'ambiente a concentrazioni tali da venire utilizzato per rappresentare l'inquinamento ambientale dell'intero gruppo degli IPA. Dotato di elevata tossicità.

ORIGINE: Gli IPA sono presenti ovunque in atmosfera; vengono prodotti dalla combustione incompleta di materiale organico e derivano dall'uso di olio combustibile, gas, carbone e legno nella produzione di energia. Le principali sorgenti antropiche sono individuabili nelle emissioni da motori diesel, da motori a benzina, da centrali termiche alimentate con combustibili solidi e liquidi pesanti e in alcune attività industriali (cokerie, produzione e lavorazione grafite, trattamento del carbon fossile).

EFFETTI SULL'UOMO E SULL'AMBIENTE: Gli idrocarburi policiclici aromatici sono molto spesso associati alle polveri sospese. In questo caso la dimensione delle particelle del particolato aerodisperso rappresenta il parametro principale che condiziona l'ingresso e la deposizione nell'apparato respiratorio e quindi la relativa tossicità. Presenti nell'aerosol urbano sono generalmente associati alle particelle con diametro aerodinamico minore di 2 ┬Ám e quindi in grado di raggiungere facilmente la regione alveolare del polmone e da qui il sangue e tessuti. Oltre ad essere degli irritanti di naso, gola ed occhi sono riconosciuti per le proprietà mutagene e cancerogene. L'International Agency for Research on Cancer (IARC) ha inserito il BaP e altri IPA con 4-6 anelli condensati nelle classi 2A o 2B (possibili o probabili cancerogeni per l'uomo) per gli effetti dimostrati in vitro. Poiché è stato evidenziato che la relazione tra BaP e gli altri IPA, detto profilo IPA, è relativamente stabile nell'aria delle diverse città, la concentrazione di BaP viene utilizzata come indice del potenziale cancerogeno degli IPA totali.

Metodo di riferimento per il campionamento e la misurazione del benzo(a)pirene: Norma Uni En 12341:2014 "Aria ambiente. Metodo gravimetrico di riferimento e procedimento la determinazione della concentrazione in massa di particolato sospeso PM10 o PM2.5".

Metodo di riferimento per il campionamento e la misurazione del benzo(a)pirene: Norma Uni En 15549:2008 "Qualità dell'aria. Metodo normalizzato per la misurazione della concentrazione di benzo(a)pirene in aria ambiente".

Metodo di riferimento per la misurazione dei tassi di deposizione degli IPA: Norma Uni En 15980:2011 "Qualità dell'aria. Determinazionedella deposizione di benzo [a]antracene, benzo[b]fluorantene, benzo[j]fluorantene, benzo[k]fluorantene, benzo[a] pirene, dibenz[a,h]antracene e indeno pirene [1,2,3-cd].

Riferimenti
- Paolo Mazzali - "L'inquinamento atmosferico: origine prevenzione e controllo"
- www.nonsolaria.com

NORMATIVA E LIMITI

D.Lgs 155/2010 e ss.mm.ii.
- Allegato XIII

Limiti normativi per il Benzo(a)pirene (BaP)

Tipo di Limite Periodo di mediazione Valore limite
Valore obiettivo Anno civile 1,0 ng/m3 (*)

(*) Il valore obiettivo è riferito al tenore totale dell'inquinante presente nella frazione PM10 del materiale particolato, calcolato come media su anno civile.
QualitÓ dell'aria


 
 
Campagne di monitoraggio con il mezzo mobile
Rete di monitoraggio in Basilicata
 

 
ę ARPAB  via della Fisica 18 C/D 85100 Potenza - P.Iva 01318260765 - tel.0971656111  - email PEC: protocollo@pec.arpab.it - Privacy - Note Legali