ARPA Basilicata
Cerca PersoneDove SiamoBandi di Gara logo youtube   font font
logoarpab
Home L'Agenzia ARPAB Informa Temi Ambientali Servizi_Ambientali
logoarpab
Comunicazione Educazione Ambientale




Comunicazione Informazione Educazione Ambientale: Ambiente e Salute

Il piano di comunicazione dell'ARPAB sulle allergie da pollini

 

Partners
Destinatari del piano
Le azioni di informazione
I Bollettini
Pollini e le pollinosi
Eventi

 

Pollini e le pollinosi

Le pollinosi sono allergie stagionali, dipendenti dai periodi di fioritura delle famiglie vegetali e quindi dalla liberazione del polline nell'aria.
Se ne distinguono tradizionalmente tre tipi:
1. La "pollinosi precoce o pre-primaverile", che si manifesta tra gennaio e marzo, causata da pollini di alberi, come la betulla, l'ontano, il nocciolo, i carpini.
2. Si deve poi alla grande stagione pollinica primaverile-estiva (aprile-luglio con una breve ripresa a settembre) la "pollinosi estiva" dovuta ai pollini di piante erbacee, soprattutto alle graminacee, quali ad esempio i cereali, gramigna, erba mazzolina, codolina, loglio, ed a pollini di erbe selvatiche come romice, carice e piantaggine.
3. La "pollinosi estivo-autunnale" invece è dovuta soprattutto a pollini di Composite (Ambrosia, Tarassaco, Artemisia, margherite).
Un ruolo "speciale" riveste il polline di parietaria (Fam. delle Urticaceae) che soprattutto nel Sud d'Italia, nelle isole ed in Liguria è presente quasi tutto l'anno ed è perciņ al primo posto in queste regioni come causa di allergopatie, seguita da graminacee ed olivo. Nell'Italia Settentrionale e centrale invece sono i pollini di Graminaceae che danno la maggiore frequenza di sensibilizzazione (60%).

In questi ultimi anni sono aumentate le segnalazioni, nell'area mediterranea, di una particolare forma di "pollinosi invernale": l'allergopatia respiratoria da Cupressaceae e generi correlati. Questa patologia allergica si manifesta in un vasto arco di tempo, da novembre ad aprile, e clinicamente è caratterizzata soprattutto da sintomi oculo-rinitici, pur non mancando numerose forme asmatiche. L'incremento dell'incidenza di questa patologia allergica è dovuto in gran parte al crescente utilizzo di piante della famiglia delle Cupressaceae a scopo ornamentale (quando non addirittura per rimboschimenti).

Altre volte la "febbre da fieno" è dovuta a spore fungine trasportate nell'aria. Le riniti allergiche da muffe rappresentano un problema di difficile soluzione in quanto vengono trasportate a grandi altezze e causano allergia per tutto l'anno. I 3 generi allergenici principali sono: Alternaria, Cladosporium, Epicoccum.

a cura dell'Ufficio Informazione, Comunicazione, Educazione Ambientale - dirigente: dott.ssa Anna Cammarota


 
© ARPAB  via della Fisica 18 C/D - via della Chimica 103, 85100 Potenza - P.Iva 01318260765 - tel.0971656111   email PEC: protocollo@pec.arpab.it - Privacy - Note Legali
Dichiarazione di accessibilità