ARPA Basilicata
Cerca PersoneDove SiamoBandi di Gara
logoarpab
Home L'Agenzia ARPAB Informa Temi Ambientali Servizi_Ambientali


Suolo e Rifiuti: Siti contaminati
 

La legislazione relativa ai siti contaminati è stata aggiornata con l’emanazione del Decreto Legislativo 3 aprile 2006, n.152, Norme in materia Ambientale (Testo Unico in Materia ambientale G.U. 88 14/04/2006) e successive modifiche ed integrazioni. Tale decreto nella Parte IV al Titolo V “Bonifica di siti contaminati” e nei relativi allegati definisce le procedure, le modalità e i criteri in base ai quali operare in tale ambito.

Il Titolo V “Bonifica dei Siti Contaminati” all’articolo 240 comma d) ed e) riporta quanto segue:

d) sito potenzialmente contaminato: un sito nel quale uno o più valori di concentrazione delle sostanze inquinanti rilevati nelle matrici ambientali risultino superiori ai valori di concentrazione soglia di contaminazione (Csc), in attesa di espletare le operazioni di caratterizzazione e di analisi di rischio sanitario e ambientale sito specifica, che ne permettano di determinare lo stato o meno di contaminazione sulla base delle concentrazioni soglia di rischio (Csr);
e) sito contaminato: un sito nel quale i valori delle concentrazioni soglia di rischio (Csr), determinati con l'applicazione della procedura di analisi di rischio di cui all'allegato 1 alla parte quarta del presente decreto sulla base dei risultati del piano di caratterizzazione, risultano superati.

Il nuovo quadro normativo vigente introduce due livelli di riferimento le Concentrazioni Soglia di Contaminazione (CSC) e le Concentrazioni Soglia di Rischio (CSR). Al contrario di quanto previsto nel D.M. 471/99, vecchio decreto che regolamentava i siti inquinati riportando solo dei limiti di riferimento, attualmente nel D.Lgs.152/06 tali limiti, con qualche piccola modifica, sono considerati solo delle soglie di attenzione (CSC) superate le quali bisogna approfondire le indagini per valutare la presenza di rischio per l’ambiente e la salute umana, definendo così le CSR. Solo il superamento delle CSR richiede interventi di bonifica e ripristino ambientale.

Le attività dell’Ufficio in materia di siti contaminati, sinteticamente, prevedono:

  • supporto tecnico-analitico agli Enti preposti in materia di bonifica dei siti contaminati;
  • partecipazione a Gruppi di Lavoro inerenti tematiche relative alla contaminazione dei siti contaminati;
  • partecipazione a Conferenze di servizio per la valutazione e l’approvazione degli elaborati progettuali inerenti i processi di bonifica secondo quanto previsto dalla normativa vigente;
  • supervisione e controllo analitico delle attività di caratterizzazione e bonifica.



Suolo e rifiuti

Siti contaminati

 
© ARPAB  via della Fisica 18 C/D 85100 Potenza - P.Iva 01318260765 - tel.0971656111  - email PEC: protocollo@pec.arpab.it - Privacy - Note Legali